Processo produttivo

IL PROCESSO PRODUTTIVO: FASI

 

Macinatura dei cerali.

I grani di malto d’orzo e di altri cereali eventualmente utilizzati devono essere grossolanamente macinati per mettere a disposizione il loro contenuto amidaceo.

 

Ammostamento del malto d'orzo e degli altri cereali eventualmente utilizzati.

Nella fase di ammostamento il cereale macinato viene miscelato con acqua calda per permettere l’attivazione degli enzimi contenuti nel malto. Esistono diversi enzimi, che operano in maniera ottimale a temperature e acidità (PH) diverse.

 

Filtrazione.

Terminata la fase di ammostamento, ossia dopo che gli amidi sono stati completamente trasformati in zuccheri, è necessario separare la parte liquida dalla parte solida, le cosiddette trebbie.

Bollitura.

Terminata la filtrazione, il mosto verrà bollito ed  è proprio durante la bollitura che si aggiungono i luppoli che apporteranno aromi ed amaro.

La cottura può avere una durata più o meno lunga, di solito si protrae dai 60 ai 90 minuti.

 

Whirlpool.

Al termine della bollitura il mosto contiene diverse “impurità” dovute a residui di luppolo e proteine coagulate; il procedimento più comune per la loro eliminazione è il sistema “whirlpool”, ossia un metodo di movimentazione circolare del mosto che favorisce la decantazione delle parti solide in una unica area centrale del tino in cui il mosto viene temporaneamente posizionato.

La fermentazione.

Terminato il whirlpool, il mosto viene poi raffreddato attraverso uno scambiatore di calore che lo porta ad una temperatura adatta al tipo di fermentazione scelta, a cui seguirà l'inoculazione del lievito. C’è un detto celebre nel mondo della birra che recita “il birraio fa il mosto, ma è il lievito a fare la birra”. E' proprio il lievito, infatti, che trasforma un mostro dolciastro nel sacro nettare che possiamo chiamare birra.

Attraverso la  fermentazione il lievito trasforma gli zuccheri fermentabili presenti nel mosto in alcool etilico e CO2. Ma oltre a questo il lievito produce altre sostanze che contribuiranno al gusto della birra finita. A seconda del ceppo utilizzato potremo avere profili che vanno dal neutro, alla nota fruttata o speziata o a profili che esaltano il malto o il luppolo.

Terminata la fermentazione nell'apposito tino, la birra verrà imbottigliata o infustata.

Al fine di rendere il prodotto maturo e con il giusto grado di gasatura, non utilizziamo metodi di introduzione di CO2 artificiali, ma lo faremo seguendo il metodo naturale, consistente nell'inserire una piccola quantità di zucchero che, all'interno delle bottiglie o dei fusti, permetterà l'attivazione dei lieviti residui che produrranno CO2.

 

Stoccaggio.

A questo punto, la birra confezionata, rimanerrà ad una temperatura di circa 20° per alcune settimane in modo che si possa completare la maturazione e la gasatura. Al termine di tale operazione, la birra sarà pronta per essere stoccatra a temprature inferiori ai 10° e pronta per essere bevuta.

Inibria

Agathis

AurAle

Saison

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito utilizza cookie e consente anche l'invio di cookie di "terze parti" ossia di cookie installati da un sito diverso tramite il sito che si sta visitando per migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni consulta la nostra. Politica Cookie

Indirizzi e contatti

Sede Legale
Via F. Paolo Tosti, n. 15/F - 67100 L’Aquila - ITALIA
Sede Birrificio
Via San Lorenzo, n. 21 - 67020 Fossa (AQ) - ITALIA

Amministrazione e Produzione e  +39 393 6541702
info@birraalkibia.it

 P.Iva 01879590667

Scarica la Brochure

 

Accedi al sito