La Birra Artigianale

Birra artigianale

Esattamente come accadeva in passato e a differenza di quanto avviene in ambito industriale, al termine del processo produttivo non sottoponiamo la birra ad alcun trattamento a fini conservativi e commerciali: non pastorizziamo e non filtriamo le nostre birre.

La pastorizzazione, ottenuta portando il prodotto a temperature di almeno 60°, ha come fine quello di sterilizzare la birra che risulta quindi essere facilmente e più a lungo  conservabile.

Conseguenza della pastorizzazione è la denaturazione di proteine e vitamine presenti nella birra nonché l'eliminazione dei lieviti contenuti, ossia proprio la parte “viva” della bevanda; il valore nutritivo della birra viene, in questo modo, drasticamente ridotto.

La birra non pastorizzata, difatti, è una vera e propria miniera di importanti elementi nutritivi, vitamine,  antiossidanti, sali minerali e di una flora di microorganismi la cui azione benefica è assolutamente comprovata.

La maggior parte delle birre artigianali, oltre a non subire processi di pastorizzazione, non sono nemmeno microfiltrate. Con la “microfiltrazione”, ottenuta facendo passare un liquido all’interno di una membrana microporosa composta da piccolissimi fori, vengono trattenuti batteri, lieviti e particelle grossolane: la birra risulta così stabilizzata e conservabile più a lungo.

Di contro, non sarà più quella bevanda saporita, fragrante e nutriente sempre più apprezzata da appassionati alla ricerca di gusti ed aromi unici.

Aspetti nutrizionali della birra artigianale.

Questa bevanda, storicamente definita il 'pane liquido', è ricca in vitamine del gruppo B , in particolar modo vitamina B9, B12 ed acido folico (utile per l’assorbimento del ferro e la formazione del sangue); ma nella birra troviamo anche altre importanti sostanze:

  • Polifenoli: antiossidanti naturali, utili nella protezione contro le malattie cardiovascolari e nella riduzione dei fenomeni ossidanti.
  • Fibre solubili: evitano la stitichezza, riducono l’incidenza del cancro al colon e abbassano la colesterolomia.
  • Maltodestrine: fonte energetica, ampiamente utilizzate nelle bevande energetiche per gli sportivi.
  • Silicio: elemento essenziale nei processi di calcificazione e nella formazione dei tessuti connettivi.

 

Uno dei miti da sfatare sulla birra riguarda anche il suo apporto calorico, ben inferiore rispetto ad altre bevande di uso quotidiano: 100 gr (corrispondenti a circa 100 ml) di birra chiara tipo lager, apporta circa 34 Kcal, tante quanto una pari quantità di un succo di carote ma meno di un comune succo di frutta (54 Kcal) o di un bicchiere di vino (70-80 Kcal).

Del resto, si tratta di una bevanda composta da almeno il 90% di acqua.

In definitiva, è provato ed è lecito affermare che un consumo moderato di birra è salutare, in linea con i principi di una dieta sana ed equilibrata 
(Dossier Birra e salute - fonte: www.mondobirra.org)

 

 

 

 

Inibria

Agathis

AurAle

Saison

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito utilizza cookie e consente anche l'invio di cookie di "terze parti" ossia di cookie installati da un sito diverso tramite il sito che si sta visitando per migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni consulta la nostra. Politica Cookie

Indirizzi e contatti

Sede Legale
Via F. Paolo Tosti, n. 15/F - 67100 L’Aquila - ITALIA
Sede Birrificio
Via San Lorenzo, n. 21 - 67020 Fossa (AQ) - ITALIA

Amministrazione e Produzione e  +39 393 6541702
info@birraalkibia.it

 P.Iva 01879590667

Scarica la Brochure

 

Accedi al sito